Terminologia

A B C D E F G H I L M N O P Q R S T U V Z


 

A

Adenoma ipofisario: tumore della ghiandola ipofisi

Afasia: impossibilità nella produzione (afasia espressiva) e/o comprensione del linguaggio (afasia di comprensione) o di entrambe (afasia mista)

Agente epilettogeno: in grado di generare epilessia

Agnosia: impossibilità di riconoscimento di uno stimolo esterno comune (per esempio riconoscere un volto conosciuto)

Aneurisma: malformazione vascolare costituita da una sacca e da un colletto, tipicamente localizzata a livello delle biforcazioni dei grandi vasi cerebrali

Angiografia, Angio-TC, Angio-RM: esami radiologici che studiano la vascolarizzazione (arterie e vene) del sistema nervoso centrale

Aprassia: impossibilità di svolgere una comune azione motoria (per esempio allacciarsi un bottone)

Area sottocorticale: regione al di sotto della corteccia cerebrale, dove si trovano le vie di conduzione nervose

Atassia: disturbo nella coordinazione del movimento

Aterosclerosi: restringimento delle arterie con deposizione di colesterolo

 

top

B

Barriera ematoencefalica:  barriera anatomica e funzionale presente in (quasi) tutto il sistema nervoso tra tessuto neuronale e sangue.

top

C

Cellule germinali: cellule che danno origine al prodotto del concepimento

Cellule staminali: cellule progenitrici indifferenziate da cui originano tutte le linee cellulari degli organi e dei tessuti. Sono presenti anche in alcune aree del cervello

Cisterne liquorali: spazi cerebrali subaracnoidei

Craniotomia: apertura della scatola cranica per accedere al sistema nervoso

top

D

Diplopia: visione doppia

Disartria: disturbo dell’articolazione delle parole

Disestesia: alterazione della sensibilità corporea (puo’essere tattile, termica e dolorifica)

Disfagia: difficoltà della deglutizione

Disfonia: difficoltà nell’emissione del tono della voce

top

E

Edema: condizione reattiva/infiammatoria che comporta il rigonfiamento di una struttura (puo’ essere un’area cerebrale o un nervo)

Elettromiografia: esame che studia la conduzione nervosa e la funzionalità muscolare

Embolizzazione: esame che studia la conduzione nervosa e la funzionalità muscolare

Emi-corea: esecuzione di movimenti involontari e non controllati di una metà del corpo

Emiparesi: perdita parziale del movimento volontario, che interessa una metà del corpo

Emiplegia: perdita completa del movimento volontario, che interessa una metà del corpo

 Emorragia sub – aracnoidea (ESA): sanguinamento tipico della rottura di un aneurisma cerebrale, localizzato a livello dello spazio subaracnoideo, ovvero la regione del sistema nervoso centrale compresa tra le meningi aracnoide e pia madre

Endotelio: strato che riveste la superficie interna dei vasi sanguigni

Eziologico: che causa la patologia

top

F

Fistola liquorale: fuoriuscita del liquido cefalorachidiano attraverso una breccia nella dura madre. Può essere causata da un trauma (post-traumatica) o avvenire a seguito di un intervento chirurgico (post-chirurgica)

fRM o rm funzionale (con trattografia, DTI): tecniche avanzate di risonanza magnetica in grado di studiare una specifica area funzionale cerebrale (motoria, del linguaggio, etc.) ed i fasci nervosi come  il fascio piramidale (motorio) o il fascio arcuato e uncinato (linguaggio)

top

G

Gadolinio: mezzo di contrasto per risonanza magnetica

Glicerolisi: metodica chirurgica che prevede una lesione volontaria a scopo terapeutico di un nervo attraverso l’utilizzo di sostanze chimiche

Glioma: tumore primitivo cerebrale che origina dalle cellule della glia. Classificato in base all’aggresivita’ in 4 gradi, da 1 a 4. Quello di grado 4, il glioblastoma multiforme, e’il piu’comune

Gross total resection: resezione macroscopica pressochè totale di una lesione tumorale

Guaina mielinica: rivestimento isolante dei prolungamenti dei neuroni che conducono gli impulsi nervosi

top

H

top

I

Ictus: improvvisa interruzione nella perfusione sanguigna (ischemia) di un’area del cervello che provoca la morte delle cellule

Indocianina: mezzo di contrasto utilizzato per la visualizzazione dei vasi cerebrali e della retina

Iperfagia: aumento dell’assunzione di cibo

Iperpnea: aumento della profondità degli atti respiratori

Ipostenia: diminuzione della forza di un’area corporea

Ipoestesia: diminuzione della sensibilità di un’area corporea

Ipofisi: ghiandola del sistema nervoso centrale deputata alla produzione della maggior parte degli ormoni dell’organismo

Ipopituitarismo: ridotto o nullo funzionamento dell’ipofisi (ghiandola pituitaria)

Ipotalamo: regione cerebrale deputata al controllo dell’ipofisi e dei principali centri di regolazione del corpo

Ischemia cerebrale: riduzione dell’apporto di sangue e conseguentemente di ossigeno al cervello

top

L

Laminectomia: asportazione della porzione posteriore della vertebra (la lamina)

Liquido cefalorachidiano (o liquor): liquido presente all’interno del  sistema nervoso centrale

top

M

Malformazione arterovensa (MAV): malformazione vascolare costituita da arterie e vene senza presenza di capillari interposti

Meningioma: tumore primitivo del sistema nervoso centrale che origina dalle meningi

Microanastomosi: tecnica chirurgica che prevede la connessione tra due strutture vascolari o nervose eseguite con il microscopio

Micro discectomia: tecnica microchirurgica per la cure dell ernia del disco

Midriasi: dilatazione della pupilla oculare

Miosi: contrazione della pupilla oculare

top

N

Neurinoma (Schwannoma): tumore che origina da un nervo

Nidus: groviglio (tipo gomitolo) di vasi sanguigni che formano una malformazione vascolare

Nistagmo: movimento oscillatorio ritmico involontario dell’occhio

top

O

Oculomozione: il movimento dell’occhio

Oligodendrociti: componente cellulare della glia a supporto del parenchima cerebrale

top

P

Papillari: con cellule che ricordano la forma delle papille

Parenchima cerebrale: il tessuto nervoso propriamente detto che costituisce il cervello

Parestesie: alterazione della sensibilità di una regione corporea

Paucisintomatica: con pochi sintomi

PEM potenziali evocati motori e PESS potenziali evocati somatosensoriali: tecniche di neurofisiologia per lo studio della funzionalità motoria e sensoriale.

Platisma: muscolo superficiale del collo

Plessi corioidei:strutture deputate alla produzione del liquido cefalorachidiano o liquor

Poligono di Willis: rete delle principali arterie cerebrali

Poliuria: aumento della diuresi

Ptosi cerebellare: discesa del cervelletto verso il midollo spinale attraverso il forame magno

Ptosi palpebrale: discesa involontaria della palpebra

top

Q

top

R

Radionecrosi: area di tessuto non vitale in seguito ad esposizione a radiazioni

Rocca petrosa: regione ossea profonda dell’osso temporale

top

S

Sacco vitellino: struttura embrionale

Segmento cisternale: segmento di una struttura (nervi o vasi) contenuta nella cisterna dello spazio sub aracnoideo

Seni venosi: sistema complesso di vene che provvede al reflusso del sangue venoso dal cervello

Solco bulbo pontino: solco presente tra il bulbo e il ponte del tronco encefalico

Stapedio: muscolo coinvolto nel movimento degli ossicini dell’orecchio

Stereotassica: tecnica di localizzazione di un punto all’interno del cervello attraverso coordinate spaziali

top

T

Tecnica cisternografica: tecnica di risonanza che permette la visualizzazione delle strutture presenti nello spazio subaaracnoideo (eg. Nervi e vasi sanguigni)

Teratoma: tumore dei tessuti embrionali

Termorizotomia: metodica chirurgica che prevede una lesione volontaria a scopo terapeutico di un nervo attraverso l’utilizzo di corrente elettrica o sostanze chimiche

Tossina botulinica: tossina utilizzata a scopo terapeutico che determina il rilasciamento dei muscoli

Tratto cortico – spinale (fascio piramidale): sistema di fibre deputate al controllo del movimento

Tubo neurale: struttura embrionale da cui nasce il sistema nervoso

top

U

top

V

Vasospasmo: riduzione del calibro dei vasi cerebrali in seguito ad uno stimolo irritativo, che può provocare una riduzione del flusso sanguigno cerebrale

Vena di Galeno: una delle principiali vene del sistema nervoso centrale

top

Z

Zona trigger: zona in grado di innescare i sintomi (tipicamente il dolore nelle nevralgie) della malattia

top